TIMAC AGRO Italia pubblica il suo quinto Bilancio di Sostenibilità

Oltre 280 distributori hanno aderito al “Patto per la continuità della filiera agroalimentare italiana”. Più del 94% delle aziende agricole clienti si ritiene completamente soddisfatto della qualità del servizio di assistenza agronomica fornito dall'azienda.

Questi e molti altri dati sono presenti sul nuovo Bilancio di Sostenibilità di TIMAC AGRO Italia, consultabile a questo link.

LETTERA AGLI STAKEHOLDER

Cari lettori,

Siamo lieti di presentarvi la quinta edizione del bilancio di sostenibilità di TIMAC AGRO Italia.

Anche quest’anno prosegue il nostro impegno per rendere trasparenti e misurabili gli impatti di sostenibilità maggiormente rilevanti per l’azienda e per i nostri principali stakeholder.

Attraverso questo documento, redatto secondo le norme internazionali di rendicontazione di sostenibilità, desideriamo raccontarvi gli impatti del nostro agire quotidiano in un’ottica di sviluppo sostenibile. In relazione all’anno appena trascorso, caratterizzato dalla fase più acuta dell’emergenza sanitaria, vogliamo inoltre riferire delle misure adottate per continuare a lavorare a stretto contatto con i nostri dipendenti.

I protocolli che abbiamo implementato ci hanno consentito di contribuire ad assicurare continuità nell’approvvigionamento alimentare a tutto il Paese, mantenendo pienamente operativi i nostri stabilimenti e la nostra rete di assistenza tecnico commerciale.

Siamo infatti consapevoli dell’importanza del nostro ruolo nella filiera agroalimentare italiana, un asset strategico per il Paese, che deve garantire sempre, in qualunque circostanza, la continuità della produzione alimentare, per soddisfare il fabbisogno nazionale e non solo. Anche in piena pandemia siamo riusciti a operare con il nostro approccio al business, rafforzando la nostra posizione di riferimento per tutti i soggetti che operano in questa preziosa filiera.

Innoviamo continuamente la nostra proposta di valore sul mercato, ascoltando le aspirazioni e i bisogni dei nostri stakeholder, e identifichiamo con loro le principaliaspettative di sostenibilità, adottando azioni efficaci per potervi rispondere. Crediamo nell’innovazione circolare e nella valorizzazione di materie prime seconde per lo sviluppo di fertilizzanti ad alto valore aggiunto, impegnandoci per ridurre al minimo l’impatto dell’agricoltura sugli ecosistemi e sul cambiamento climatico.

Investiamo nelle nostre persone e sulle loro capacità, curando attentamente la formazione continua orientata all’ampliamento delle competenze. Ci impegnamo con costanza per attrarre i migliori talenti e rafforzare sempre di più la nostra squadra. Supportiamo la crescita professionale, instaurando rapporti di lavoro stabili e duraturi. Promuoviamo un approccio al lavoro motivante e improntato alla fiducia.

Proponiamo prodotti che pongono al centro il rispetto dell’ambiente e del suolo, allo scopo di tutelare la sicurezza delle persone e degli agricoltori. Investiamo costantemente in attività di Ricerca e Sviluppo, testando in campo le soluzioni nutritive per comprendere l’efficacia delle soluzioni proposte.

Nelle prossime pagine raccontiamo ciascuno di questi aspetti e il nostro impegno nel contribuire alla transizione verso nuovi modelli di produzione e di utilizzo dei fertilizzanti.

Nello spirito di trasparenza che ci contraddistingue, vogliamo rendere conto anche a coloro che guardano dall’esterno la nostra realtà aziendale delle iniziative intraprese, le performance e gli obbiettivi raggiunti. Ci auguriamo che queste informazioni rispondano alle attese di chi legge questo documento, con l’auspicio che possa alimentare il dialogo e il confronto sui temi di sostenibilità, in un’ottica di miglioramento continuo del nostro agire.

Pierluigi Sassi

Amministratore Delegato

Condividi:
TIMAC AGROItalia pubblica il suo quinto Bilancio di Sostenibilità per raccontare gli impatti della propria attività in un’ottica di sviluppo sostenibile e riferire delle misure adottate per continuare a lavorare a stretto contatto con i propri dipendenti.