Il progetto UNICEF Business Lab, per un confronto su impresa e Diritti Umani

UNICEF Italia ha dato ufficialmente il via nei giorni scorsi all'UNICEF Business Lab, una piattaforma che coinvolge le istituzioni, le imprese, il mondo accademico, quello dei media e i principali stakeholder dell'economia italiana sui temi dell’Impresa e dei Diritti Umani, dei Bambini e degli Adolescenti.
Giacomo Guerrera e Paolo Rozera, il Presidente e il Direttore Generale UNICEF Italia, hanno dato il via ai lavori di fronte ai responsabili di alcune delle principali imprese italiane e ai rappresentanti del  Ministero dello Sviluppo Economico, del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale, del Global Compact Network Italia, del Forum per la Finanza Sostenibile, di Fondazione Sodalitas, di KPMG, di Frog e dell’Università Bocconi, partner del progetto. Fondazione Sodalitas promuove l'iniziativa a seguito della sottoscrizione di un protocollo d'intesa con il Comitato Italiano per l'Unicef.

"Promuovere i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza è, semplicemente, il miglior investimento possibile per ognuno di noi. Basti pensare che da alcune ricerche  è emerso che per ogni dollaro investito nell’istruzione di un bambino, c'è un ritorno di 53 dollari per un’azienda, al momento del suo impiego - ha affermato il Presidente dell’UNICEF Italia G. Guerrera - L’UNICEF Business Lab sarà un ‘incubatore’ di conoscenze, esperienze e idee a cui aderiranno le aziende che vogliono investire nel futuro loro, nostro e di ogni bambino e ragazzo e affrontare le sfide globali dettate dall’agenda post 2015 e da Europa 2020". 

Cambiare prospettiva e integrare il rispetto dei bambini all’interno del core business aziendale generando reali benefici all’impresa: buone pratiche nella promozione dei diritti rafforzano infatti la reputazione aziendale e il risk management.
"La responsabilità delle imprese rispetto ai diritti dell’infanzia e dell’adolescenza non può limitarsi al tema dello sfruttamento del lavoro minorile. Le condizioni di lavoro dei genitori o di chi se ne prende cura hanno un forte impatto sui bambini di tutto il mondo. Allo stesso modo le imprese devono porre grande attenzione alle loro strategie di comunicazione e di marketing con cui possono influenzare i valori, gli stili di vita e la salute di bambini e ragazzi. Infine, non dobbiamo mai sottovalutare le conseguenze negative che il fenomeno della corruzione ha anche verso i bambini condizionando l’allocazione delle risorse altrimenti disponibili per investimenti realmente a favore della comunità", ha sottolineato il Direttore Generale dell’UNICEF Italia P. Rozera spiegando l’obiettivo del Lab e invitando le aziende ad aderirvi.
L’UNICEF Business Lab concluderà la prima fase di training session nell’aprile 2016.

Condividi: