Novamont è una realtà industriale che affonda le proprie radici nella scuola di Scienza dei Materiali Montedison e che nasce per realizzare l’ambizioso progetto di alcuni ricercatori provenienti dal grande gruppo chimico: l’integrazione tra chimica, ambiente e agricoltura. Attiva dal 1989, è oggi leader mondiale nel settore delle bioplastiche, con costanti investimenti in R&S (7,2% del fatturato e circa il 20% degli addetti). La sua mission è quella di realizzare una “Chimica vivente per la qualità della vita”: sviluppare materiali e biochemicals attraverso l’integrazione di chimica e agricoltura, attivando bioraffinerie nei territori e fornendo soluzioni applicative che garantiscano lungo tutto il ciclo di vita un uso efficiente delle risorse con vantaggi sociali, economici e ambientali di sistema. Con il nome Mater-Bi, Novamont produce una famiglia di bioplastiche aventi proprietà d’uso del tutto simili a quelle delle plastiche convenzionali e allo stesso tempo la possibilità di essere completamente biodegradabili e compostabili secondo lo standard europeo EN13432. Ha sede a Novara, stabilimento produttivo a Terni e laboratori di ricerca a Novara, Terni e Piana di Monte Verna (CE). Opera tramite sue consociate a Porto Torres (SS) e Bottrighe (RO). È presente attraverso sedi commerciali in Germania, Francia e Stati Uniti e attraverso propri distributori in Benelux, Scandinavia, Danimarca, Regno Unito, Cina, Giappone, Canada, Australia e Nuova Zelanda. 

Attività di CSR
Fin dalla sua nascita Novamont incoraggia un nuovo modello di sviluppo sostenibile e promuove la transizione da un’economia di prodotto a un’economia di sistema, da un approccio alle risorse di tipo dissipativo ad un approccio di tipo conservativo, con l’impiego di fonti rinnovabili per la produzione di bioplastiche per applicazioni specifiche a basso impatto ambientale.

Dal 2008 Novamont pubblica il Rapporto di Sostenibilità in conformità alle linee guida internazionali del Global Reporting Initiative (GRI): per quattro anni consecutivi, il Rapporto si è collocato al massimo livello di adesione, definito come A+, della versione GRI 3.1; a partire dalla pubblicazione del 2015 il Rapporto sarà conforme alla versione GRI G4.
Il Rapporto di Sostenibilità rappresenta lo strumento attraverso cui Novamont illustra, agli stakeholder interni ed esterni, gli impegni, la strategia, le modalità di gestione e i risultati della propria attività aziendale, declinandola nel suo triplice aspetto economico, ambientale e sociale.

Attraverso le sue varie sezioni,  il Rapporto evidenzia il continuo e crescente impegno di Novamont verso:
- la realizzazione di un nuovo modello di sviluppo industriale sostenibile basato sulla bioeconomia
- il miglioramento delle prestazioni tecniche e ambientali dei suoi prodotti attraverso l’aumento del contenuto di materie prime rinnovabili
- il costante coinvolgimento e la forte collaborazione con gli stakeholder chiave per l’azienda.

Nel corso degli anni il Rapporto di Sostenibilità di Novamont è stato redatto impiegando le più moderne tecniche di comunicazione. La ricca infografica che caratterizza le ultime edizioni del Rapporto di Sostenibilità, viene per la prima volta affiancata dalla pubblicazione del Rapporto 2013 in veste di minisito, grazie al quale è possibile navigare all’interno del documento ad un primo livello di sintesi, per poi scegliere a discrezione del lettore, di passare ai successivi livelli di dettaglio e approfondimento.

www.novamont.com

Condividi:

fondazione sodalitas È promossa da:

multimedia