“Covid-19: oltre l’emergenza”: conclusa la prima parte del progetto

Cinque imprese associate a Fondazione Sodalitas a sostegno del progetto dell’Università di Milano

Prosegue il progetto di ricercaCovid-19: oltre l’emergenza, realizzato dal Dipartimento di Scienze Biomediche e Cliniche "Luigi Sacco" dell’Università degli Studi di Milano, diretto dal Professor Massimo Galli, grazie al sostegno di cinque imprese associate a Fondazione Sodalitas: Falck Renewables, Saint-Gobain Italia, Smeg, Timac Agro (Gruppo Roullier Italia), Whirlpool EMEA.

Nei giorni scorsi l’Università degli Studi di Milano è stata certificata dalla rivista Science come la quarta università al mondo e la prima in Europa per la ricerca sul virus, portando l’Italia a una posizione di vertice internazionale.

Il progetto di ricerca si propone di offrire al Sistema Sanitario Nazionale le risposte farmacologiche di volta in volta efficaci per affrontare i nuovi focolai Covid-19.

Si è conclusa con successo la prima parte del progetto, dedicata ad eseguire la tracciatura epidemiologica molecolare del Covid-19 attraverso la mappatura molecolare del virus stesso.

Grazie all’isolamento del virus è stato possibile infettare in laboratorio delle linee cellulari, e osservare l’avvenuta infezione ed il suo evolversi monitorando l’effetto citopatico, ovvero la disgregazione del layer cellulare.

È stato quindi possibile verificare la crescita virale e ottenere le sequenze genomiche del virus, importanti per le successive analisi epidemiologiche. L’isolamento virale ha permesso inoltre di definire il livello di carica virale sotto il quale si verifica una ridotta possibilità di trasmissione dell’infezione.

I risultati raggiunti dalla prima parte del progetto permettono di sviluppare la seconda parte dedicata a testare i composti farmacologici atti a inibire il virus, così da mettere a punto risposte farmacologiche sempre più efficaci per il trattamento ospedaliero delle persone malate.

 

Notizia aggiornata a febbraio 2021.

Condividi:
Conclusa con successo la prima parte del progetto, dedicata ad eseguire la tracciatura epidemiologica molecolare del Covid-19 attraverso la mappatura molecolare del virus stesso.