Gruppo Feralpi: 2019 positivo

Pubblicata anche la prima dichiarazione volontaria consolidata di carattere non finanziario

Ancora un anno positivo per Feralpi. Il gruppo siderurgico, tra i leader in Europa nella produzione di acciai per edilizia e acciai speciali e impresa associata a Fondazione Sodalitas, ha chiuso l’esercizio 2019 in utile con fatturato, margini e produzioni in tenuta rispetto ad un buon 2018 e conferma la forte propensione agli investimenti con 54,5 milioni di euro per dare continuità al proprio piano industriale di sviluppo.

Essi sono finalizzati non solo a raggiungere la massima efficienza, ma anche a contribuire alla decarbonizzazione dell’attività produttiva, riducendo consumi ed emissioni anche grazie allo sviluppo di nuovi modelli di economia circolare per favorire la valorizzazione delle risorse e l’adozione di tecnologie volte all’efficienza energetica.

Proprio in tema di circolarità, di particolare rilevanza è il progetto sperimentale di recupero in forno di prodotti derivanti dal riutilizzo di materiali plastici/polimerici come agenti di riduzione sostitutivi del carbone per ridurre l’utilizzo di un materiale naturale a fronte della valorizzazione di materiali da recupero.

«I risultati positivi raggiunti nel 2019 – commenta Giuseppe Pasini, presidente del Gruppo Feralpi rafforzano il nostro Gruppo anche in un contesto in cui il mercato, soprattutto nella seconda parte dell’anno, ha rallentato il passo. Ciò che invece non ha frenato è stata la nostra propensione agli investimenti che si sono mantenuti robusti per restare competitivi intercettando ciò che l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite e il Green New Deal europeo chiedono anche alle imprese manifatturiere. Ovvero, adottare dei modelli di sviluppo sostenibili e circolari, capaci da un lato di contribuire alla decarbonizzazione e, dall’altro, di favorire l’inclusione sociale e la creazione di valore per il territorio e la comunità in cui si opera».

Il consolidato 2019 di Feralpi Holding vede iscritto in bilancio un fatturato di 1.302 milioni di euro contro i 1.320 milioni del 2018 facendo registrare solo un contenuto -1,3% a/a.

Sul fronte dello sviluppo di modelli circolari, oltre all’attività caratteristica costituita dal recupero di rottami ferrosi per la produzione di acciaio, sono un esempio virtuoso il recupero della scoria bianca e scoria nera in prodotti per edilizia (pavimentazione, blocchi lego, blocchi new jersey) oltre agli ulteriori progetti di studio per il recupero della scoria bianca volti alla sua stabilizzazione e al suo reimpiego nel materiale da costruzione.

Gli investimenti sono stati rivolti anche al tema strategico dell’energia. L’energia elettrica rappresenta il 62% del totale dei consumi energetici del Gruppo Feralpi, oltre al 32% rappresentato dal consumo di gas naturale. Per ottimizzare il consumo energetico e ridurre contestualmente le emissioni di CO2, in linea con il piano Ue orientato alla decarbonizzazione, vengono sviluppati progetti di ricerca a supporto dei processi produttivi, volti ad aumentare l’efficienza energetica e ridurre impatti ed emissioni, in un’ottica 4.0 anche con l’aiuto dell’intelligenza artificiale.

Nell’autunno del 2019, tra la casa madre di Lonato del Garda e il Comune in cui lo stabilimento è situato, è anche stato allacciato l’impianto di recupero del calore dell’acciaieria alla rete comunale per dar vita ad una rete di teleriscaldamento al servizio di utenze pubbliche e private che, oltre ai vari vantaggi economici, ha portato anche la capacità di ridurre il consumo di energia, di materie prime e, quindi, le emissioni.

Anche in Germania, presso la controllata ESF Elbe-Stahlwerke Feralpi GmbH, si è data continuità agli investimenti tecnologici negli impianti lungo l’intera filiera produttiva, nelle infrastrutture e nella logistica per ridurre ulteriormente le emissioni ed i consumi grazie ad azioni volte all’efficientamento e recupero di energia.

LA DICHIARAZIONE VOLONTARIA CONSOLIDATA DI CARATTERE NON FINANZIARIO

Per la prima volta Feralpi presenta, assieme al bilancio consolidato 2019 di Gruppo, la Dichiarazione Volontaria Consolidata di carattere Non Finanziario (DNF) redatta ai sensi del D.Lgs. 254/2016. Pur non rientrando tra le aziende obbligate a redigere una DNF, il Gruppo ha ritenuto necessario anticipare l’allineamento al Decreto Legislativo per fornire ai propri stakeholder elementi comparabili e per favorire una sempre maggiore trasparenza sulle tematiche sociali e ambientali, oltre che economiche. Il Gruppo Feralpi ha scelto di continuare a seguire i Sustainability Reporting Standard pubblicati nel 2016 dal Global Reporting Initiative (GRI), secondo l’opzione “In Accordance – Core”.

Il documento, così come l’intera strategia di sostenibilità di Gruppo, si innesta attraverso la lettura degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite che indicano chiaramente un percorso virtuoso che anche l’industria è chiamata a concretizzare.

Nel 2019 il Gruppo Feralpi ha generato un valore aggiunto globale lordo pari a 219,4 milioni, mentre il valore netto per gli stakeholder ammonta a 166 milioni. La sua ripartizione vede una maggior concentrazione nella remunerazione del personale (48%), segue il rafforzamento del capitale (21%) con le imposte versate alla Pubblica Amministrazione (21%). Ai finanziatori sono stati destinati 10,3 milioni. Le elargizioni liberali alla comunità sono state pari a 6,5 milioni di euro.

Feralpi si impegna a sviluppare azioni e comportamenti volti a ridurre gli impatti, rendendo da un lato più efficiente la produzione e dall’altro promuovendo stili di vita sostenibili. Il 93% della produzione deriva da acciaio riciclato e sono stati avviati al recupero l’80% dei rifiuti. L’innovazione e le nuove tecnologie sono la chiave che hanno portato il Gruppo a ridurre le emissioni a effetto serra del 3% a/a e le emissioni indirette derivanti da energia elettrica del 4% a/a.

Scarica la DNF 2019 in versione integrale

Scarica la Sintesi della DNF 2019

 

www.feralpigroup.com

 

Condividi:
Feralpi chiude in utile l’esercizio 2019 e per la prima volta presenta, assieme al bilancio consolidato 2019 di Gruppo, la Dichiarazione Volontaria Consolidata di carattere Non Finanziario (DNF).

multimedia