La UNI ISO 26000 può essere considerata la norma internazionale di riferimento in materia di Responsabilità Sociale.
Nel 2016 Fondazione Sodalitas e UNI hanno pubblicato la “Prassi di riferimento: Responsabilità sociale delle organizzazioni – Indirizzi applicativi alla UNI ISO 26000”.
La Prassi viene messa a disposizione delle aziende e delle organizzazioni che sono motivate a implementare la Responsabilità Sociale in modo strutturato ed integrato, e mancano delle competenze metodologiche necessarie.
Ma anche delle aziende ed organizzazioni che, avendo già sviluppato in modo consapevole la dimensione della Responsabilità Sociale, desiderano approfondire aspetti specifici e superare criticità presenti anche nelle realtà più evolute.

La "Prassi di riferimento: Responsabilità Sociale delle Organizzazioni - Indirizzi applicativi alla UNI ISO 26000"
La Prassi fornisce supporti metodologici a supporto dell'applicazione della UNI ISO 26000, con particolare attenzione agli aspetti della materialità (materiality), della responsabilità di rendere conto (accountability) e del coinvolgimento dei portatori di interesse (stakeholder engagement).
La Prassi delinea soluzioni operative applicabili da ogni organizzazione a questi tre aspetti, che sono centrali per la piena integrazione della Responsabilità Sociale nella strategia e nelle operazioni, e fornisce indicazioni utili all’efficace governance della Responsabilità Sociale.
Pensato con l'idea di tracciare una sorta di mappa ideale, che conduca in modo modulare e progressivo ad un approccio maturo e consapevole alla Responsabilità Sociale, il documento inizia con il trattare il passaggio fondamentale del coinvolgimento dell'alta direzione, per affrontare successivamente il processo di analisi del contesto in cui opera l’organizzazione, tenendo conto della necessità di un approccio olistico, sistematico ed integrato alla Responsabilità Sociale.

Il punto di partenza
Lo stimolo a mettere a punto la Prassi è venuto dalle aziende ed organizzazioni partecipanti alla Ricerca “UNI ISO 26000: la Responsabilità Sociale in concreto”, realizzata da Fondazione Sodalitas ed UNI nel 2014.
Dalla ricerca è emerso infatti che solo il 17% delle organizzazioni include gli stakeholder esterni (clienti, fornitori, la comunità locale e sociale…) nel processo di applicazione della UNI ISO 26000. Il 50% delle aziende intervistate segnala che la maggiore difficoltà è passare ad un’analisi di materialità che permetta di definire Piani d’azione e obiettivi di miglioramento, mentre il 41% delle organizzazioni che applicano la UNI ISO 26000 non comunica le performance di Sostenibilità agli stakeholder in modo adeguato.

Hanno collaborato con Fondazione Sodalitas e UNI alla realizzazione della “Prassi di riferimento: Responsabilità sociale delle organizzazioni – Indirizzi applicativi alla UNI ISO 26000”: Bureau Veritas Italia, Certiquality, DNV GL Business Assurance, Inail, SGS Italia.

Condividi: