Saint-Gobain per gli anziani del territorio di Lecco: aperta la Casa della Solidarietà e della Terza Età

Ha aperto i battenti a Lecco la Casa della Solidarietà e della Terza Età. Si trova in un immobile storico risalente alla fine del 1800, situato nel rione di San Giovanni, ristrutturato, anche con il contributo della Fondazione Saint-Gobain, dal Comune, da Auser, l’associazione che dal 1989 si batte per dare ruolo e valore agli anziani e da Anteas –Associazione Nazionale Terza Età Attiva per la Solidarietà.

La nuova struttura - che ospita Auser Lecco, Anteas Lecco e gli uffici comunali del SID-Servizi Integrati Domiciliarità -  è adibita a polo socio assistenziale e culturale per i servizi agli anziani, uno spazio integrato dove poter fornire informazioni utili ed orientare ai servizi esistenti, svolgere attività di aggregazione e partecipare e momenti di condivisione tra generazioni. Particolare attenzione è rivolta alle persone con mobilità ridotta, con il servizio di trasporto protetto, e alle persone sole, con la compagnia offerta dalla Telefonia sociale, grazie all’opera di volontari.

La Fondazione Saint-Gobain Initiatives – costituita nel 2008 per sostenere iniziative di solidarietà in tutto il mondo – ha dato un contributo significativo per sostenere i costi di ristrutturazione della Casa.

Nei Paesi in cui è presente, Saint-Gobain si impegna per dare un positivo contributo al benessere delle comunità nelle quali è inserita. In qualità di azienda responsabile, ritiene che la propria posizione di leader sui mercati dell’habitat e dell’edilizia comporti la responsabilità di intraprendere azioni no-profit, in settori coerenti con la strategia del Gruppo. Diversi i progetti realizzati in questi anni in Italia, di cui se ne segnalano quattro in particolare.

Progetto “Linguetta”. A partire dal dicembre 2013 e per tutto il 2014, la Fondazione Saint-Gobain Initiatives ha supportato la Lega del Filo d’Oro nella costruzione del nuovo centro ad alta specializzazione di Osimo (AN), che con 56.000 m² e 80 posti letto è stato destinato all’assistenza dei bambini sordo-ciechi e dei loro genitori. L’impegno della Fondazione si è concretizzato nella costruzione di una delle palazzine dedicate alla lunga degenza dei bambini, fornendo materiali e know-how tecnico.

Progetto “Liberi bimbi”. Grazie a questa azione sostenuta nel 2015 dalla Fondazione Saint-Gobain Initiatives nella Casa CircondarialeLorusso e Cotugno di Torino, è sorto il nuovo centro di accoglienza dedicato alle madri carcerate. Con il lavoro di 16 detenuti formati in circa 600 ore totali, tra teoria e pratica, il progetto ha previsto interventi di ristrutturazione e riqualificazione energetica della palazzina. È stata un’occasione per insegnare un mestiere ai detenuti al fine di agevolare il loro reinserimento nel tessuto socio-economico.

Progetto “Free Entry - La città del bello”. La riqualificazione sociale del Quartiere Sanità a Napoli è stata scelta nel 2018 come progetto per il decennale della Fondazione, attraverso un sostegno economico e pratico alla ristrutturazione dell’ipogeo della Basilica dell’Incoronata Madre del Buonconsiglio, uno storico edificio a Napoli, promossa dalla Fondazione San Gennaro. La ristrutturazione ha permesso di creare un polo didattico – denominato “Free entry - La città del bello” – con laboratori destinati ad attività ludiche, formative e ricreative per i ragazzi e bambini del Rione Sanità e di tutta la città.

Progetto “Tortellante”. Ovvero la ‘pasta libera tutti’ fatta a mano dai ragazzi autistici. Nell’autunno del 2018 ha aperto i battenti a Modena la sede del Tortellante, la scuola di autonomia che permette per la prima volta di tracciare il futuro dei ragazzi autistici attraverso la produzione di un’eccellenza della tradizione gastronomica locale: la pasta fresca. La Fondazione Saint-Gobain Initiatives ha dato un contributo significativo alle famiglie per sostenere i costi di ristrutturazione della sede.

www.saint-gobain.it

 

Condividi: