Poste Italiane con gli Stakeholder per la strategia di Sostenibilità 2020

Poste Italiane ha organizzato il Forum Multistakeholder e l'evento sulle donne vittime di violenza

Poste Italiane: gli Stakeholder al centro per scrivere insieme la strategia di Sostenibilità 2020

Condividere i valori di responsabilità sociale e la strategia di sostenibilità 2020 con tutti i soggetti coinvolti nell’attività dell’azienda: questo l’obiettivo del terzo Forum Multistakeholder organizzato da Poste Italiane lo scorso 19 novembre.

Una giornata di dialogo con più di 400 rappresentanti di tutte le categorie di stakeholder - comunità territoriali, mondo finanziario, associazioni di categoria e sindacali, organizzazioni del Terzo Settore, delle imprese e dei dipendenti - con l’obiettivo di raccogliere contributi e realizzare una sintesi operativa in grado di indirizzare l’attività futura.

Il Forum ha offerto un’occasione per condividere idee e progetti nelle aree individuate dai sei “pilastri” della sostenibilità - integrità e trasparenza, valorizzazione delle persone, sostegno al territorio, customer experience, decarbonizzazione e finanza sostenibile - che ispirano l’operato dell’azienda, anche in vista della preparazione del prossimo Bilancio integrato. Il Piano d’impresa Deliver 2022 ha, infatti, definito una strategia che integra una chiara visione delle tematiche ambientali, sociali e di governance (ESG).

Poste Italiane per l’inclusione lavorativa delle donne vittime di violenza

In continuità con lo scorso anno, e in coincidenza con la XVIII Settimana della Cultura d’Impresa, Poste Italiane ha voluto diffondere e promuovere le politiche aziendali in materia di diritti umani e di responsabilità sociale d’impresa con il convegno dal titolo Poste Italiane per l’inclusione lavorativa delle donne vittime di violenza, che si è svolto a Roma presso il Parlamentino CNEL il 20 novembre scorso.

I lavori della mattinata hanno posto l’accento su un’importante iniziativa condotta dalla funzione Responsabilità Sociale d’Impresa di Poste Italiane insieme alle principali organizzazioni (D.i.Re e Telefono Rosa) che si occupano concretamente di aiutare le donne che subiscono violenza.

Venti donne in uscita dai centri antiviolenza parteciperanno a “percorsi professionalizzanti” sul territorio nazionale retribuiti finalizzati all’inserimento lavorativo, con la possibilità di liberarsi da una condizione di difficoltà cui erano costrette a vivere e conquistare finalmente un’adeguata indipendenza economica.

www.poste.it

www.posteitaliane.it

Condividi:
Il 19 e il 20 novembre 2019 Poste Italiane ha tenuto il terzo Forum Multistakeholder e un incontro sull’inclusione lavorativa delle donne vittime di violenza.