NEW ECONOMY FOR GOOD

La consapevolezza che “business as usual is not an option anymore” è sempre più diffusa nella comunità internazionale. Ma, in Italia ancora più che in altri Paesi, la strada da percorrere per realizzare l’Agenda 2030 sullo sviluppo sostenibile è ancora lunga: sensibilizzare gli individui e le comunità sulla centralità di questa sfida è un passaggio fondamentale.

Parte da questi presupposti il progetto New economy for good, che verrà sviluppato nel 2018 grazie alla partnership tra Fondazione Sodalitas, Action Aid Italia, Comune di Milano, Fondazione Finanza Etica, Mani Tese, WWF Italia.

L’obiettivo è rafforzare in modo diffuso la sensibilità verso due temi tra i più rilevanti: cultura dei diritti umani e rispetto dell’ambiente.

Alcuni dati: il 79% delle aziende afferma di gestire in modo responsabile la propria “supply chain”, ma solo una parte delle aziende mette in atto nei fatti processi per affrontare temi come lavoro minorile (22%), cambiamento climatico (12%) e uguaglianza di genere (14%).
D’altra parte, il 43% delle imprese considera l’aspettativa dei consumatori tra i principali fattori capaci di influenzare la gestione responsabile delle proprie filiere.

"New business for good" lavorerà sull’opinione pubblica, con una particolare attenzione ai giovani nelle scuole, per favorire la consapevolezza di come modelli di business etici, inclusivi e sostenibili possano contribuire in modo diffuso al rispetto dei diritti umani e alla tutela dell’ambiente: 500.000 le persone che verranno raggiunte.
Naturalmente l’iniziativa coinvolgerà anche le imprese, e in particolare quelle di tre settori particolarmente impattate dal tema: agro-alimentare, tessile, energia.

Condividi: