BNL: economia circolare fa rima con solidarietà

Le scrivanie, le sedie, i mobili e gli arredi usati per anni nelle 8 sedi della Banca Nazionale del Lavoro (BNL) di Roma vengono donate a 300 realtà tra organizzazioni nonprofit e scuole.

E così solidarietà fa rima con economia circolare.

E’ questo il risultato della partnership tra BNL e Legambiente.
L’idea è nata quando BNL ha inaugurato la nuova sede, “Orizzonte Europa”: 12 piani concepiti per favorire lo smart working, grazie a spazi condivisi che hanno reso inutilizzabili i vecchi arredi.

Sarebbe stato più facile dismettere tutti gli arredi che, oggi, stoccati occupano 20 mila metri quadri nei magazzini - racconta Claudia Schininà, Corporate Social Responsability Officer - e invece l’azienda ha preferito attivarsi per dare vita ad un’economia circolare: i mobili di pregio, sono stati reinseriti nella nuova sede, gli altri di design, moderni o vintage sono stati donati”.

Abbiamo chiesto ai nostri 15mila dipendenti di segnalarci i destinatari meritevoli - prosegue Schininà -. Da questo matching è nata l’iniziativa che è ancora in corsa e che si concluderà sotto Natale». « Abbiamo poi cercato un partner che ci aiutasse a selezionare le realtà più affidabili a cui regalare i nostri beni, e ci garantisse una certificazione da “mettere a bilancio sociale”».

In base all'accordo siglato, BNL ha ceduto gratuitamente a Legambiente i propri beni aziendali per un riutilizzo sociale.
Legambiente ha quindi scelto tra le 300 organizzazioni segnalate dai dipendenti le 120 beneficiarie della donazione.

È stata una sfida – spiega Enrico Fontana responsabile nazionale Economia Civile di Legambiente - la mole di oggetti da gestire era enorme. Si doveva procedere con equità e andare a certificare i destinatari. Ma il dono è stato per alcuni una boccata d’ossigeno. Basti pensare alle scuole - come l’istituto comprensivo Pirandello di Roma - che da anni non riescono a rinnovare i propri locali”.

La partnership con Legambiente è solo una delle iniziative con cui BNL genera impatto sociale grazie all'economia circolare.
Tra gli altri progetti avviati, la donazione alla cooperativa Vesti Solidale di quasi mille tra desktop, monitor e stampanti, che saranno donati a una cooperativa sociale e avviati a riutilizzo creando nuovi posti di lavoro e generando risorse economiche da destinare a progetti sociali.
Infine la partnership con Elior, che gestisce la ristorazione aziendale nella nuova sede di BNL, per recuperare giornalmente circa 25 pasti in eccedenza e donarli a chi ha difficoltà ad accedere al cibo e alla nutrizione.

Roma, 1 dicembre 2017

Condividi: