AVIVA COMMUNITY FUND: CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELLE COMUNITÀ LOCALI

Dopo il grande successo della prima edizione, Aviva - assicurazione tra i leader in Europa e presente in Italia dal 1921 - ripete l’iniziativa del Community Fund, un fondo benefico a favore delle organizzazioni nonprofit attive a livello locale, realizzato con il supporto di Fondazione Sodalitas. L’iniziativa, patrocinata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, mette a disposizione 18 donazioni con importi da 5.000, 7.500 e 15.000 € per le organizzazioni che operano nel settore della salute, dell’infanzia e dei giovani o della riqualificazione del territorio a fini sociali. Con questa iniziativa, Aviva vuole nuovamente sottolineare la sua vicinanza al territorio e l’importanza delle organizzazioni non-profit locali, supportando nel concreto le loro attività.

Chiunque, accedendo al sito www.avivacommunityfund.it, può candidare il progetto sostenuto dall’organizzazione che gli sta a cuore, specificando l’entità del contributo economico necessario al suo sostegno (fino a 5.000, 7.500 o 15.000 €). Dal 2 marzo 2017, invece, sarà possibile accedere al sito per votare i progetti preferiti. Le 45 candidature con il maggior numero di voti accederanno alla fase finale: una giuria valuterà i progetti tenendo conto di diversi fattori, tra cui impatto sulla comunità, sostenibilità e originalità. I vincitori saranno annunciati il 10 maggio 2017.

Lo straordinario successo della prima edizione dell’Aviva Community Fund ci ha mostrato i mille modi in cui gli italiani si mettono al servizio delle proprie comunitàLa partecipazione appassionata ci sprona a cercare di fare sempre di più: abbiamo deciso di ripetere l’iniziativa, aumentando il valore totale dei finanziamenti a disposizione. Vogliamo offrire un contributo concreto a tutte quelle organizzazioni che, anche a fronte di scarsità di fondi, sviluppano progetti e servizi dedicati alla comunità in cui operanocommenta Louis Roussille, Marketing, Communication and Digital Director di Aviva in Italia.

Condividi:

approfondimenti