2017: BILANCI PIÙ TRASPARENTI CON LA DIRETTIVA UE

L’implementazione dell’accordo di Parigi sul clima (COP 21); l’affermarsi dei Sustainable Development Goals dell’ONU come orizzonte di riferimento globale; il recepimento da parte degli stati europei della Direttiva Europea sulla rendicontazione non finanziaria.

Nel 2016, l’agenda delle grandi istituzioni internazionali è stata segnata da decisioni fondamentali, destinate a rafforzare ancora di più l’impegno sostenibile di istituzioni, imprese e stakeholder privati.

Una di queste decisioni diventerà pienamente efficace nel corso del 2017: il 6 dicembre scorso era infatti il termine per il recepimento da parte degli Stati Membri della Direttiva Europea sulla rendicontazione non finanziaria.

La Direttiva sarà di fatto vincolante a partire dal 2017 per 6.000 imprese di tutta Europa, obbligate a rendicontare ogni anno sulla propria performance di Sostenibilità.

Impatto ambientale, pari opportunità e integrazione in azienda, diritti umani e anti-corruzione: sono questi, in particolare, i temi su cui dovranno rendicontare le imprese di pubblico interesse e con più di 500 dipendenti.   

Condividi:
“Dal 2017 le imprese europee di pubblico interesse e con più di 500 dipendenti devono rendicontare sulla performance di Sostenibilità”